In pullman Ho riso, di gusto; una risata estremamente scomposta, forse anche urlando, così le persone dietro di me si sono girate per vedere chi era la persona folle che rideva tanto poi hanno riso anche loro.
Niente, ridevano ed io mentre ridevo di gusto sono scoppiata a piangere chiedendomi: “che te ridi?”

Forse era una risata isterica dovuta ad una giornata logorante, forse piangevo dalle risate, forse non dovrei pensarci troppo ché mi andava di ridere ma avevo bisogno di piangere “o semplicemente accuso i sintomi di qualche parentela lontana della sindrome bipolare”.

Annunci