” Donna, beato, uguale, Parmi a un Dio quel mortale, che ti siede di fronte, e, a te ristretto, Soavemente favellar ti sente,  Sorridere ti mira amabilmente.”
                                                                                                                            Saffo

Sorridevo.
Quel giorno, mi promisi di ridere più che potevo, di amarmi.  Si, amai me stessa come non mai, apprezzai la smorfia brutta che, solo una risata di gusto sa portare. Mi accorsi che la mia, è una dolcezza disarmante che, non si vede perché i sorrisi nascondono così tante cose: dolcezza, ilarità, lacrime.
Avevo così tanto pianto, che l’unica soluzione era ridere.
Guardami sorridere. Guardami bene mentre rido, rido così tanto che piango, allora tu, asciugami le lacrime.

{luna, piena

Annunci