tumblr_lx8ai2gGLv1qm278io1_500

Odio e amo. Forse chiederai come sia possibile;
non so, ma è proprio così e mi tormento.
Catullo.

Gli urlai di odiarlo. Insieme eravamo autodistruttivi, eppure dopo tempo, è la distanza che mi lacera. Oggi, c’è questo: parole non dette, un finto odio che cela un grande amore, un finto non esserci di chi invece, c’è con lo sguardo che segue la mia figura, finché non è al sicuro, il tempismo di chi, è già dietro l’angolo del cuore pronto ad aiutare.
Ti odio, ti amo, cosa cambia? Abbiamo scelto il male minore, non sapendo che cosi, saremmo stati legati l’un l’altro, come il più grande tormento. Sempre.

Annunci